È in forte espansione l’ecommerce di prodotti di bellezza e cura della persona: infatti, si prevede che entro il 2019, gli acquisti online di queste categorie merceologiche dovrebbero aumentare di oltre l’8%. Ne consegue che il commercio elettronico dei prodotti beauty ha performance interessanti, tanto che lo studio di ATKearney “Digital beauty in Europe: attract consumers and win online calcola che cresca circa quattro volte più velocemente rispetto alla vendita al dettaglio tradizionale.

La disponibilità di numerose offerte consente ai consumatori di confrontare i prezzi in modo sempre più facile. Di contro, per i commercianti la strategia più importante in un settore così competitivo è avviare una gestione dinamica dei prezzi. Un’attività che garantisce i margini a lungo termine e, allo stesso tempo, consente di acquisire importanti quote di fatturato.

Foto di xtina5645

Foto di xtina5645

blackbee nel suo report sui prezzi dedicato al mondo della bellezza e del benessere ha esaminato la gestione dei prezzi degli otto principali rivenditori tedeschi online di prodotti per la cura personale. Lo studio prende in considerazione diverse tipologie di player: piattaforme internazionali, grandi gruppi della distribuzione specializzata, distributori multicanale e gli specialisti online. Il monitoraggio dei prezzi delle otto società è stato condotto nel periodo da maggio a luglio 2017 e, attraverso la soluzione di Market Analysis di blackbee, i dati emersi sono stati valutati.

L’irregolarità dei prezzi degli shop online

Il risultato principale dello studio è che, finora, solo un quarto dei negozi online esaminati ha implementato un sistema di gestione strategica dei prezzi. Si osserva inoltre che ciascun fornitore segue il proprio modello di prezzo. Amazon, per esempio, identifica i prezzi dei suoi prodotti in un modo abbastanza coerente e attivo, mentre le fluttuazioni dei prezzi negli altri negozi online è stata forte. È interessante notare che, nel corso di una settimana, i prezzi di tutti i negozi tendevano ad abbassarsi anziché ad aumentare.

Foto di Christine Roth

Foto di Christine Roth

Dal “blackbee pricing report: Beauty and wellness emerge chiaramente che la maggior parte dei rivenditori tedeschi di cosmetici online non ha ancora sfruttato in modo ottimale la leva del prezzo come il potenziale più prezioso a propria disposizione. Per mantenere saldamente la competitività in un mercato così concorrenziale come quello dell’ecommerce, la gestione sistemica delle politiche di pricing è ormai indispensabile. Solo chi mantiene un controllo costante sul panorama della grande quantità di dati su prezzi, prodotti e concorrenti e li utilizza a proprio vantaggio, può garantirsi i necessari vantaggi competitivi e mantenere il successo a lungo termine.